Ila ti amo, scusa

  • Venduta

  • Venduta

  • Venduta



Davide Corona

È nato a Piacenza nel 1981 dove vive e lavora. Si è diplomato in pittura all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano nel 2005. Tra le sue mostre personali ricordiamo “Antologia privata” (Castello di Belgioioso), “Il mondo raccolto” (Biffi Arte, Piacenza), “Rocce, Carcasse e altre cose” (Galleria Monopoli, Milano). Ha inoltre esposto in mostre istituzionali alla Permanente di Milano, al Palazzo Te di Mantova, al Centro Telemaco Signorini di Portoferraio, ai Musei di Villa Mirabello di Varese, alla Galleria Ricci Oddi di Piacenza. Ha vinto l’edizione 2008 del Premio Parati. «Tra pittura intrisa di realismo, memorie divisioniste e qualche accenno al disegno puro, ogni tela di Davide Corona trova una singolare equilibrio tra la compiutezza e la mobilità. [...] Il dato di partenza smette di essere la realtà. magari conosciuta [...] ma la trasfigurazione che avviene, affidata in parte a colori quasi lisergici, rende tutto nuovo» (Gabriele Dadati, 2012).

Il tuo nome (*)

La tua email (*)

Il tuo numero di telefono (*)

Il tuo messaggio

(*) Richiesto

Davide Corona

È nato a Piacenza nel 1981 dove vive e lavora. Si è diplomato in pittura all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano nel 2005. Tra le sue mostre personali ricordiamo “Antologia privata” (Castello di Belgioioso), “Il mondo raccolto” (Biffi Arte, Piacenza), “Rocce, Carcasse e altre cose” (Galleria Monopoli, Milano). Ha inoltre esposto in mostre istituzionali alla Permanente di Milano, al Palazzo Te di Mantova, al Centro Telemaco Signorini di Portoferraio, ai Musei di Villa Mirabello di Varese, alla Galleria Ricci Oddi di Piacenza. Ha vinto l’edizione 2008 del Premio Parati. «Tra pittura intrisa di realismo, memorie divisioniste e qualche accenno al disegno puro, ogni tela di Davide Corona trova una singolare equilibrio tra la compiutezza e la mobilità. [...] Il dato di partenza smette di essere la realtà. magari conosciuta [...] ma la trasfigurazione che avviene, affidata in parte a colori quasi lisergici, rende tutto nuovo» (Gabriele Dadati, 2012).

Il tuo nome (*)

La tua email (*)

Il tuo numero di telefono (*)

Il tuo messaggio

(*) Richiesto