Bottle in a message

  • Venduta

  • Venduta

  • Venduta



Laila Pozzo

Architetto di formazione, allieva di Giuliana Traverso e assistente di fotografi del calibro di Douglas Kirkland, Sarah Moon e Joyce Tenneson, Laila Pozzo ha partecipato alla Biennale Europea dei Giovani Artisti a Marsiglia, esposto in numerose personali e collettive e vinto vari premi, tra cui “Le Logge” al Toscana Foto Festival per il miglior portfolio. Presente alla I edizione del premio Fotografia Italiana, collabora con le più importanti testate: i suoi scatti passano con naturalezza dai ritratti del gotha dell’industria ai reportage nelle più grandi aziende internazionali per poi abbracciare con lo sguardo attori e artisti quanto momenti quotidiani. Dalla sua passione ed esperienza nel teatro è nato breakaleg.it, un portale che invita a viverlo attraverso immagini e scrittura, e tanti dei suoi ritratti di scena dove il doppio, il personaggio incarnato dall’attore, si lascia scrutare nella sua autenticità del dietro le quinte.

[formlightbox_call title="lightbox form" class="1374826386773"][/formlightbox_call] [formlightbox_obj id="1374826386773" style="" onload="false"][contact-form-7 id="36" title="Modulo di acquisto"][/formlightbox_obj]

Laila Pozzo

Architetto di formazione, allieva di Giuliana Traverso e assistente di fotografi del calibro di Douglas Kirkland, Sarah Moon e Joyce Tenneson, Laila Pozzo ha partecipato alla Biennale Europea dei Giovani Artisti a Marsiglia, esposto in numerose personali e collettive e vinto vari premi, tra cui “Le Logge” al Toscana Foto Festival per il miglior portfolio. Presente alla I edizione del premio Fotografia Italiana, collabora con le più importanti testate: i suoi scatti passano con naturalezza dai ritratti del gotha dell’industria ai reportage nelle più grandi aziende internazionali per poi abbracciare con lo sguardo attori e artisti quanto momenti quotidiani. Dalla sua passione ed esperienza nel teatro è nato breakaleg.it, un portale che invita a viverlo attraverso immagini e scrittura, e tanti dei suoi ritratti di scena dove il doppio, il personaggio incarnato dall’attore, si lascia scrutare nella sua autenticità del dietro le quinte.