Senza titolo

  • Venduta



Filippo La Vaccara

È nato nel 1972 a Catania, vive e lavora a Milano. Diplomato in Scultura all’Accademia di Belle Arti di Catania, nel 1999 è stato selezionato da Angela Vettese e Giacinto di Pietrantonio per il Corso Superiore d’Arti Visive della Fondazione Antonio Ratti di Como, dove ha seguito uno stage con Haim Steinbach. Nel 2002 ha partecipato alla residenza d’artista della Fondazione Orestiadi di Gibellina. Filippo La Vaccara spazia tra disegno, pittura e scultura, raccontando – attraverso episodi della quotidianità e con un disegno apparentemente naif – un immaginario sognante, sospeso nel tempo. Ha partecipato a importanti mostre internazionali a Parigi, Miami e New York e ha esposto in diversi spazi espositivi, tra cui la Galleria del Credito Valtellinese, il Museo Riso, la Fondazione Orestiadi, la Fondazione Arnaldo Pomodoro, il Palazzo della Triennale, la Mole Vanvitelliana e la Fabbrica del Vapore.

[formlightbox_call title="lightbox form" class="1374826386773"][/formlightbox_call] [formlightbox_obj id="1374826386773" style="" onload="false"][contact-form-7 id="36" title="Modulo di acquisto"][/formlightbox_obj]

Filippo La Vaccara

È nato nel 1972 a Catania, vive e lavora a Milano. Diplomato in Scultura all’Accademia di Belle Arti di Catania, nel 1999 è stato selezionato da Angela Vettese e Giacinto di Pietrantonio per il Corso Superiore d’Arti Visive della Fondazione Antonio Ratti di Como, dove ha seguito uno stage con Haim Steinbach. Nel 2002 ha partecipato alla residenza d’artista della Fondazione Orestiadi di Gibellina. Filippo La Vaccara spazia tra disegno, pittura e scultura, raccontando – attraverso episodi della quotidianità e con un disegno apparentemente naif – un immaginario sognante, sospeso nel tempo. Ha partecipato a importanti mostre internazionali a Parigi, Miami e New York e ha esposto in diversi spazi espositivi, tra cui la Galleria del Credito Valtellinese, il Museo Riso, la Fondazione Orestiadi, la Fondazione Arnaldo Pomodoro, il Palazzo della Triennale, la Mole Vanvitelliana e la Fabbrica del Vapore.