E-Mail (Engraved MAIL)

  • Venduta



Mauro Patrini

È nato a Pizzighettone nel ’65 e ha iniziato la sua ricerca negli anni ’80 attraverso la sperimentazione di tecniche e materiali, complici gli studi al Centro Europeo di Formazione degli Artigiani per la Conservazione del Patrimonio Architettonico di Venezia. Impegnato come restauratore a Palazzo Carmi (Parma), alla Coffee House del Quirinale (Roma) e nell’affresco del Tiepolo nella chiesa dei SS. Faustino e Giovita (Brescia) diventa docente di stucco marmo al Centro Europeo per i Mestieri della Conservazione “Pro Venezia Viva” e alla Fondazione Villa Fabbris di Thiene. Da queste esperienze mutua la sua profonda conoscenza di tecniche e materiali che coniugata alla sua ricerca poetica – dove l’elemento naturale torna a essere oggetto di trasfigurazione e quindi di contemplazione – sottende ogni suo intervento, sia questo scultoreo o installativo. Tra le sue esposizioni, le personali alla galleria Nuovospazio (Piacenza: 2006) e nel 2009 al Museo d’arte contemporanea LU.c.c.a., dove una sua opera è in esposizione permanente. Nel 2011 presenta una personale alla Galleria Biffi (Piacenza) e nel 2012 espone alla Galleria Dieci.Due (Milano).

Il tuo nome (*)

La tua email (*)

Il tuo numero di telefono (*)

Il tuo messaggio

(*) Richiesto

Mauro Patrini

È nato a Pizzighettone nel ’65 e ha iniziato la sua ricerca negli anni ’80 attraverso la sperimentazione di tecniche e materiali, complici gli studi al Centro Europeo di Formazione degli Artigiani per la Conservazione del Patrimonio Architettonico di Venezia. Impegnato come restauratore a Palazzo Carmi (Parma), alla Coffee House del Quirinale (Roma) e nell’affresco del Tiepolo nella chiesa dei SS. Faustino e Giovita (Brescia) diventa docente di stucco marmo al Centro Europeo per i Mestieri della Conservazione “Pro Venezia Viva” e alla Fondazione Villa Fabbris di Thiene. Da queste esperienze mutua la sua profonda conoscenza di tecniche e materiali che coniugata alla sua ricerca poetica – dove l’elemento naturale torna a essere oggetto di trasfigurazione e quindi di contemplazione – sottende ogni suo intervento, sia questo scultoreo o installativo. Tra le sue esposizioni, le personali alla galleria Nuovospazio (Piacenza: 2006) e nel 2009 al Museo d’arte contemporanea LU.c.c.a., dove una sua opera è in esposizione permanente. Nel 2011 presenta una personale alla Galleria Biffi (Piacenza) e nel 2012 espone alla Galleria Dieci.Due (Milano).

Il tuo nome (*)

La tua email (*)

Il tuo numero di telefono (*)

Il tuo messaggio

(*) Richiesto